mercoledì 1 settembre 2010

L'amica lontana

Mi verrai poi a trovare?

Nella tua tumultuosa e impegnata vita,
riuscirai a trovare 
dei minuti, delle ore, dei giorni
da dedicare a me?

Vedi bene che io sono venuto a trovarti,
ho dimenticato per un certo tempo 
tutto il resto della mia vita
per poterti stare accanto.

Mi hai detto che saresti venuta,
mi dici che verrai,
mi dirai che non sai quando potrai venire.

Io ti ho creduto e atteso,
ti credo e ti attendo, 
ti crederò e attenderò

L'attesa però è lunga,
gli anni son passati, passano e passeranno,
e io invecchierò senza rivederti.

domenica 8 agosto 2010

Nuovi arrivi

Da 10 anni lavoro per la ditta N&P Spa, ma mi sembra di esservi arrivato da un'eternità.
Sarà forse che il tipo di lavoro è piuttosto monotono, sarà che le possibilità di essere promossi alle mansioni superiori sono scarse, ma ho come l'impressione di dover trascorrere tutta l'esistenza qui dentro.
Eppure da un po' di tempo c'è una novità, delle nuove impiegate sono state assunte. Tutti noi "vecchi" nutrimmo in segreto la speranza che questo significasse la promozione per qualcuno di noi, ma la direzione prontamente comunicò che le nuove assunzioni erano relative "al generale trend di espansione dell'azienda col conseguente aumento delle mansioni".
Passano infatti i giorni e le nuove colleghe imparano a svolgere le nostre stesse mansioni, mentre in noi la speranza di un cambiamento piano piano svanisce.
Ogni tanto le sento parlottare tra loro, evidentemente stanno facendo la "classifica" su chi di noialtri sia più attraente. Io però non vengo menzionato.
Oggi vedo che una di loro e Calvini, il temibile ispettore della qualità Calvini, si parlano amichevolmente, quasi come se si conoscessero già da tempo. Il temibile Calvini, che non si faceva scrupolo di criticarci pesantemente se il lavoro non era svolto secondo le regole da lui codificate in un ostico e inconsultabile manuale, ora scambiava amichevoli confidenze con la nuova arrivata che, a essere sinceri, era la più incapace di tutte. Subito ipotizzo che tra i due vi sia una tresca, niente di più facile.
E gia mi immagino l'ochetta astuta che fa carriera grazie ai pareri positivi del Calvini, ormai divenuto suo "schiavo d'amore". E poi immagino che fra mesi, forse anni, lei prenderà il posto di Calvini che, tanto precisino quanto gonzo, verrà da lei brutalmente scaricato a favore di qualcuno più in vista nell'organico.
E spetterà a lei, la nuova arrivata, muovere critiche al personale per la qualità del lavoro, mentre a ricevere quelle critiche ci sarò ancora io.

venerdì 16 aprile 2010

Passione

La vedrai,
di colpo i tuoi occhi si fisseranno su di lei
e non riuscirai a vedere altro.
Subito la desidererai,
i pensieri ti si confonderanno
mentre la brama di lei ti dominerà.
Come un serpente muterai pelle
per avvicinarti a lei,
il desiderio a tanto ti spingerà.
Rinnegherai i tuoi amici e la tua vita,
tutto l'essere che eri stato prima di vederla.
Con discorsi conditi di lieve ebbrezza la confonderai;
infine, abile cacciatore la domerai,
mostrandole una parte di te ignota a te medesimo.
L'avrai, la possederai una, due, più volte.
Sfogherai la tua brama dentro lei, e sarai soddisfatto.
Poi un giorno ti sveglierai
come uno straniero nel suo letto.
La sua voce,
che prima stuzzicava le tue più recondite fantasie,
ora suona estranea e sgradevole.
Vorrai andartene,
lasciandola a piangere in un angolo.
Ti maledirà,
e tu uscirai dalla soglia,
ti avvierai per le strade della città.
Solo.


By Temujin 16/04/2010

domenica 7 marzo 2010

L'Accalappiacani

Questa potrebbe essere la classica storia di fantasmi, come quelle che ci si racconta da ragazzini per spaventarsi un po'. Una di quelle storie a cui si sono ispirati la letteratura e il cinema per realizzare i loro capolavori. Di solito queste storie sono ambientate nella nebbiosa Inghilterra, dove le cupe magioni vittoriane in stile neogotico sembrano fatte apposta per ospitare oscure presenze. La nostra storia invece è ambientata nell'assolato meridione italiano, in un paese della Lucania abbarbicato su un colle, un paese come tanti di quella regione, dove la vita scorre tranquilla e monotona.
Calenzano, all'epoca, era un paese che offriva poche opportunità, e molta gente andava altrove a cercare lavoro. In paese vi erano pochi negozi, molte vie di notte non erano illuminate e gli abitanti, bene o male, si conoscevano tutti tra di loro. Le poche persone con un minimo di studi alle spalle erano molto stimate in un paese dove la maggior parte degli abitanti non aveva neppure finito le elementari. Chi era fortunato riusciva a trovare un lavoro per il comune, come portalettere o magari come accalappiacani, come Michele, il protagonista di questa storia.
I cani randagi erano un problema abbastanza serio a Calenzano, in quanto si muovevano in branchi più o meno numerosi per il paese, alla ricerca del cibo come i lupi loro antenati, con la grossa differenza che non avevano paura dell'uomo. Infatti era capitato più volte che qualcuno venisse morso e rischiasse di contrarre la rabbia.
Una notte Michele si trovò a svolgere il suo lavoro assieme ai colleghi, alla ricerca di un branco di cani che imperversava nella parte bassa del paese, al limitare dei campi agricoli. Armati di torcia elettrica e un bastone con una specie di cappio a un'estremità, per bloccare e catturare gli animali più aggressivi, avevano seguito le tracce del branco negli stretti vicoli bui, fino a perderle ad un quadrivio. Incerti sul da farsi, decisero di aspettare li per alcuni minuti. A Michele parve di sentire dei rumori provenienti da un vicolo che scendeva verso la campagna con una ripida scalinata, e decise di andare a controllare, chiedendo ai colleghi di rimanere sul posto.
Michele si addentro' nel vicolo facendosi luce con la torcia elettrica, seguendo dei rumori che dovevano essere provocati dai cani randagi. Man mano che si addentrava nel vicolo i passi si facevano sentire sempre più chiaramente, ed improvvisamente Michele vide la sagoma di una cane muoversi giù per la scalinata, fino a imboccare un piccolo sentiero laterale. Il randagio doveva essersi accorto di lui, e stava cercando di fuggire fuori dal paese. Michele provò a rincorrerlo per il sentiero, ma a causa del buio inciampò e cadde, rotolando per qualche metro. La torcia elettrica, sbattendo per terra, forse si ruppe, spegnendosi e lasciandolo nell'oscurità più completa. Michele si rialzò ammaccato, fortunatamente non si era rotto nulla, ma al buio non vedeva che a un palmo dal proprio naso. Appoggiandosi al suo bastone cercò di risalire verso il paese, di cui vedeva qualche finestra illuminata.
D'un tratto sentì una folata d'aria fredda, che lo fece rabbrividire: era strano sentire così freddo in una sera di fine estate! E la cosa strana era che il freddo non accennava a diminuire, tanto che pochi attimi dopo vide il suo respiro condensarsi in vapore, come d'inverno. La cosa lo stupì non poco, ma non ebbe neppure il tempo di pensarci su, perché presto sopravvenne la sgradevole sensazione che qualcuno o qualcosa lo stesse osservando. Si voltò istintivamente, e sussultò nel notare una figura umana ferma immobile che stava guardando verso di lui. Michele stava quasi per ricomporsi quando provò il più completo terrore riconoscendo nel volto della misteriosa figura le fattezze del suo amico Alfonso, morto in un incidente stradale da alcuni mesi!
Michele ebbe il coraggio sufficiente per parlare allo spettro, con parole che possono sembrare beffarde, quasi comiche, ma che per chi ha vissuto la vicenda in prima persona non lo sono affatto: “Alfonso, ma cosa ci fai qui?Tu eri morto...” al che lo spettro, come in risposta, fece un'orribile smorfia, come a voler mimare il volto stesso della morte...Questo fu troppo per il povero accalappiacani, già abbastanza sconvolto: Michele svenne di paura, e venne trovato poco dopo dai suoi colleghi, che erano venuti a cercarlo. Quando lo trovarono quasi non lo riconobbero, poiché Michele aveva sempre avuto una chioma nerissima, ma la persona svenuta in quel vicolo aveva tutti i capelli bianchi! Al suo risveglio non c'era più traccia di Alfonso, ne si sentiva più il misterioso freddo, i colleghi gli chiesero cosa fosse successo, ma lui non volle raccontare subito tutta la storia per non essere preso per matto. L'unica cosa che fu chiara era che aveva subito un forte spavento. Solo in seguito, quando si riprese dalla terribile esperienza e fu in grado di articolare i suoi pensieri, decise di raccontare ad alcune persone fidate la sua storia, facendo loro giurare che non l'avrebbero preso per matto.
Fatto sta che qualche notizia deve essere trapelata, se questa storia è giunta anche alle mie orecchie. Pare che per qualche tempo a Calenzano, molti colleghi di Michele abbiano evitato di inseguire i cani di notte per le ripide stradine buie...